'Conto Corrente Online'


Conti correnti online, il base di Webank

Pubblicato da in Conto Corrente Online

Il conto corrente online con operatività limitata di Webank, include solo ed esclusivamente i servizi bancari più importanti, così come previsto dalla Convenzione sottoscritta tra l’ABI, la Banca d’Italia, Poste Italiane S.p.A., il MEF, l’AIIP. L’offerta di Webank si rivolge ai consumatori e, in particolare, a coloro il cui ISEE in corso di validità è inferiore a 7.500 euro annui e agli aventi diritto a trattamenti pensionistici fino a 1.500 euro mensili.

Con un canone zero, il conto base Webank comprende la possibilità di effettuare gratuitamente le seguenti operazioni:

  • prelievi e pagamenti con il Bancomat;
  • versare contanti e assegni;
  • effettuare bonifici nazionali o Sepa;
  • pagare Rid (operazioni di addebito diretto nazionale o addebito diretto Sepa);
  • richiedere un Bancomat.

Di conseguenza, optando per il conto base Webank non si potrà:

  • avere un rendimento sulle giacenze;
  • avere il libretto degli assegni;
  • richiedere una carta di credito;
  • pagare Mav, Rav e bollettini postali;
  • accedere a forme di finanziamento;
  • andare in scoperto;
  • aprire un deposito titoli e richiedere servizi d’investimento;
  • utilizzare le funzioni evolute di banking e fare trading.

Per quanto ovvio, il conto base Webank potrà essere utilizzato attraverso tutti i principali strumenti di gestione a distanza, come internet, telefono, sportelli ATM e sportelli ATM evoluti (qui invece le condizioni del conto deposito Webank).

Per avere maggiori informazioni su conto base Webank è sufficiente ricorrere al sito internet webank.it, dove è possibile consultare i fogli di trasparenza e tutto il materiale utile per migliorare la conoscenza di tale conto corrente.

No Commenti

Aprire un conto deposito

Pubblicato da in Conto Corrente Online

Il conto deposito è un rapporto bancario simile al conto corrente, con la funzione principale di salvadanaio ad alto tasso di rendimento e per questo l’investimento nei conti deposito può rappresentare una valida alternativa rispetto ad altre forme di impiego.

La caratteristica principale del conto deposito è data dalla sua versatilità e dall’alto tasso di rendimento delle somme.

Con i conti deposito si possono gestire le operazione direttamente online, disponendo accrediti e addebiti (versamenti e prelievi) in modo veloce ed autonomo. 

Le somme depositate sul conto, soprattutto se vincolate possono essere remunerate con tassi di interesse molto superiori a quelli applicati ordinariamente ai conti correnti, o in altre forme di investimento di breve termine.

Aprire un conto deposito è molto semplice e, anche se l’iter può variare da banca a banca, le fasi principali prevedono:

  • Richiesta di apertura del conto deposito mediante compilazione di un form online (o di un modulo cartaceo)
  • Ricezione del contratto di conto deposito, da sottoscrivere e inviare nuovamente alla banca insieme a copie dei nostri documenti di identità
  • Operazione di primo versamento sul conto deposito, utile per “attivare” il rapporto

Il conto deposito è una forma di investimento sicuro, vantaggioso ed estremamente flessibile: con cui è possibile godere di tutte le protezioni offerte dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, che propone una copertura di 100 mila euro in caso di default dell’istituto di credito.

 Una bella garanzia che ci tutela!

No Commenti

Nuovo prodotto, Prestitempo ContoCarta

Pubblicato da in Conto Corrente Online

Tra i nuovi servizi offerti da Prestitempo c’è anche la contocarta, una carta prepagata dotata di codice IBAN, scollegata da qualsiasi conto corrente, che permetterà alla clientela di disporre di uno strumento di prelevamento e di pagamento sul quale effettuare tutte le principali operazioni che potrebbero essere altresì effettuate su un tipico e ordinario conto corrente.

La possibilità di attribuire alla carta un codice IBAN, di fatti, permetterà al cliente di

  • pagare le bollette e le altre utenze domestiche,
  • effettuare bonifici,
  • pagamenti e acquisti (anche online),
  • disporre versamenti e prelevamenti,
  • accreditare lo stipendio o la pensione.

Il tutto, con un conto corrente online senza andare allo sportello, e beneficiando delle numerose funzionalità di gestione automatica a distanza che il gruppo Deutsche Bank offre a tutti i titolari di tale strumento di pagamento.

Per coloro che richiedono la carta entro il 30 giugno 2012, le condizioni economiche sono di particolare interesse.

Il contratto prevederà l’azzeramento

  •  del canone mensile,
  • dell’imposta di bollo,
  • dei prelevamenti effettuati in euro,
  • dei bonifici,
  • delle operazioni online e al telefono,
  • dei pagamenti,
  • delle operazioni di rifornimento del carburante
  • dell’invio dei brevi messaggi di testo sul proprio cellulare, per le notifiche all’operatività effettuata con la carta.

Lo strumento sarà ricaricabile in qualsiasi momento attraverso bonifico, accredito diretto dello stipendio o della pensione, versamento in contanti presso le ricevitorie Sisal (al costo di 3 euro). Sarà possibile ricaricare la carta fino a un massimo di 50 mila euro complessivi.

Chi richiede la carta-conto di Prestitempo, potrà partecipare a un interessante concorso a premi, che metterà in palio un iPod nano da 8 gigabyte, o un buono benzina.

Per maggiori informazioni, per il regolamento dell’iniziativa, moduli di richiesta della carta e tutte le informazioni aggiuntive è utile consultare il sito internet www.prestitempo.it.

No Commenti

Novità e rincari per Conti correnti 2013: tasse e bollo da Gennaio

Pubblicato da in Conto Corrente Online

Con il nuovo anno arriva un netto cambiamento nella gestione dei conti correnti che si troveranno a dover sostenere altre spese spalmate su tasse e bolli.

Stando ad un nuovo documento dell’Agenzia delle entrate, il bollo sul conto corrente tradizionale, di 34,2 euro, non sarà dovuto da chi ha diritto ad avere il conto base, quello che banche e Poste devono offrire per legge a chi ha un reddito molto basso (7.500 euro calcolato con l’Isee).

Saranno esenti dall’imposta i correntisti con una giacenza media inferiore a 5 mila euro, compresi i conti in rosso che valgono zero. Ad influenzare il pagamento del proprio conto, il calendario del rendiconto: se, per esempio, il conto corrente prevede un resoconto trimestrale il tetto dei 5 mila euro verrà calcolato sommando la media delle giacenze ogni 90 giorni, mentre se il rendiconto è annuale si prenderà come riferimento la media tra gennaio e dicembre e quindi chi avesse in giacenza più di 5 mila euro solo nel primo trimestre dell’anno sarà chiamato a pagare 8,55 euro (un quarto di 34,2) se ha il rendiconto trimestrale.

La seconda parte della circolare dell’Agenzia riporta poi le regole della mini patrimoniale, pari

  • all’un per mille nel 2012
  • all’1,5 per mille nel 2013,

applicabile a fine anno al valore di tutti gli investimenti finanziari, comprese le polizze unit linked, i conti di deposito online, i buoni fruttiferi postali dal valore di rimborso superiore a 5 mila euro.

L’imposta di bollo minima è di 34,20 euro e massima di 1.200 euro;

Su conti correnti bancari, postali e su libretti postali si pagherà l’imposta fissa di 34,20 euro per le giacenze medie annue superiori a 5 mila euro.

Su buoni postali cartacei si pagherà lo 0,1% nel 2012 e lo 0,15% dall’1 gennaio 2013, con imposta minima di 1,81 euro per buono e senza esenzione per gli importi inferiori ai 5 mila euro.

Su buoni postali dematerializzati si pagherà lo 0,1% nel 2012 e lo 0,15% dal primo gennaio 2013 dei buoni con la stessa intestazione, purché superiori ai 5 mila euro.

No Commenti

Cos’è l’Indicatore Sintetico di Costo per i conti correnti

Pubblicato da in Conto Corrente Online

L’Indicatore Sintetico di Costo di un conto corrente, reso obbligatorio per le comunicazioni banca-cliente a partire dal 26 Febbraio del 2010 , è una vera e propria cifra che indica il costo finale di un conto corrente per il cliente, considerando un certo arco temporale e tutte le spese, sia quelle variabili sia quelle fisse collegate alla vita del conto.

In pratica con l’ISC la Banca d’Italia ha voluto fornire ai correntisti una informazione rapida e veloce sui costi di un conto, utile per effettuare confronti sul mercato tra le varie offerte. L’Indicatore Sintetico di Costo varia a seconda del tipo di clientela a cui è rivolto un certo conto corrente. Sono stati infatti definiti sei profili base per i quali esistono sei ISC differenti: ISC per giovani per i quali si assume una media di 164 operazioni l’anno, un ISC per la famiglie “poco operative” con 201 operazioni annue, uno per le famiglie “molto operative” con 253 operazioni l’anno, uno per i pensionati “poco operativi” con 124 operazioni presunte annue ed uno per i pensionati con media operatività per i quali si assumo 189 operazioni l’anno.

Come calcolare l’ISC

Fatte queste premesse è possibile passare al calcolo vero e proprio dell’Indicatore Sintetico di Costo di un conto corrente che può essere riassunto nella seguente formula:

ISC= Costi_Fissi x (12/T_spese_fisse) + Costi_Variabili_(12/T_spese_variabili)

dove T indica l’arco di temporale entro a cui si riferiscono le spese variabili e quelle fisse rispettivamente.
I costi fissi di un conto corrente sono quelli che derivano semplicemente dalla sua esistenza, e non dipendono dall’operatività del correntista ne dal saldo medio in giacenza. Nei costi variabili invece vanno considerate le spese operative come i pagamenti, i prelievi o le operazioni effettuate da sportello o da bancomat.

Come scegliere il miglior conto corrente in base al ISC

Come anticipato dunque l’ISC aiuta l’utente a conoscere in anticipo le spese legate al mantenimento di un conto corrente. Questa informazione deve essere contenuta all’interno del foglio informativo che la banca è tenuta a fornire ai propri clienti correntisti sia a quelli a cui propone l’apertura di un nuovo conto. Anche sul web è possibile contattare gli istituti bancari per richiedere l’ISC così che l’utente possa trovare il miglior conto corrente online direttamente da casa.
Quando si effettua un confronto dei conti correnti con l’obiettivo di minimizzare le spese di gestione, sicuramente l’ISC è il primo fattore da considerare per riuscire a trovare il conto che meglio si confà alle proprie esigenze. Ma questo non deve essere l’unico fattore in base al quale giudicare un conto: è infatti importante leggere con attenzione il valore finale del ISC di un conto corrente, ma lo è altrettanto anche il dettaglio di tutti i servizi che esso è in grado di offrire.

No Commenti

Prestiti BancoPosta, richiedere un finanziamento anche senza busta paga

Pubblicato da in Conto Corrente Online

In questo momento di crisi è diventato davvero difficile trovare un lavoro, soprattutto per i giovani, e quindi anche riuscire ad ottenere un aiuto da qualche istituto di credito. Chi ha bisogno di un prestito e però non può disporre di uno stipendio regolare oppure di un reddito dimostrabile, può provare con i prestiti BancoPosta senza busta paga, un tipo di finanziamento che può partire dai 1.500 euro, e arrivare ai 30.000 euro, con l’unico requisito richiesto, quello di avere un garante. Questa tipologia di prestiti ha alcuni vantaggi e alcune caratteristiche peculiari.

Prestito BancoPosta

In cosa consiste il prestito BancoPosta

Il prestito BancoPosta è offerto dalle Poste Italiane e permette di poter predisporre di una cifra abbastanza alta, per questo può essere adatta anche a chi non bastano piccole somme, quelle che servono per estinguere piccole spese, o rate insolute, ma è un finanziamento flessibile per le esigenze personali o familiari.

La somma viene erogata sul conto corrente BancoPosta, e va ripagata con rate mensili, come succede solitamente. Il recupero viene operato come viene deciso in fase di contratto, a seconda delle esigenze del cliente, e in proporzione alla sua disponibilità economica. Le rate sono addebitate sul conto corrente BancoPosta, iniziando dal mese successivo all’erogazione del capitale, il 27 di ogni mese. La prima rata è comprensiva della quota mensile, dell’imposta di bollo, dell’imposta sostitutiva, e degli interessi di preammortamento.

Chi può richiedere questo tipo di prestito

Questi finanziamenti di Poste Italiane possono essere richiesti da qualsiasi lavoratore che sia titolare di un conto BancoPosta, anche senza un reddito dimostrabile. L’unica prerogativa in questo caso è quella di affiancare la richiesta ad un garante, proprio perché la somma prestata è quasi sempre molto alta e molto spesso non è possibile avvalersi dei beni che i richiedente potrebbe non possedere.

Naturalmente prima di richiedere un prestito di questo genere è possibile richiedere un preventivo della rata mensile, sulla base della somma che si desidera ricevere, in modo da capire se l’operazione è fattibile e soprattutto conveniente. La richiesta va effettuata presentando il documento di identità, un certificato di reddito (cioè che attesta un’entrata fissa), un documento che attesta la titolarità di un conto corrente BancoPosta. La richiesta sarà valutata entro 10 giorni lavorativi.

Alla Posta è possibile richiedere un finanziamento che va da un minimo di 1.500 euro ad un massimo di 30.000 euro, con una durata contrattuale che va da un anno a sette anni.

Come per ogni tipo di finanziamento, anche i prestiti BancoPosta hanno dei tassi di interesse TAN fissi, e interessi TAEG variabili, a seconda della somma che è stata richiesta, con spese di istruttoria, comunicazioni informative e tutte le commissioni che però sono gratuite. Il TAN fisso è di 10,95% fino ai 10.000 euro, mentre oltre questa cifra è del 9,95%. Il TAEG è dell’11,65% fino ai 10.000 euro, e di 9,95% oltre i 10.000.

È inoltre possibile compilare il modulo di richiesta anche online, con grosso modo le stesse documentazioni da presentare.

Per avere maggiori informazioni sui prestiti BancoPosta, potete visitare il sito infoprestitisulweb.it, nel quale troverete anche qualche consiglio e qualche avvertenza.

No Commenti

Come scegliere fra i vari conti studenti

Pubblicato da in Conto Corrente Online

Per i conti bancari dei più giovani, così come per tutti, una buona scelta equivale ad una scelta personalizzata. Le opzioni sono tante, ed è quindi necessario analizzare per bene quello che ci serve per trovare il conto corrente bancario che fa per noi, anche con la comoda opzione online .

La percentuale di giovani che alla fine del percorso della scuola superiore si allontana da casa per proseguire negli studi a livello universitario, oppure per cominciare ad affacciarsi nel mondo del lavoro, è molto alta: gli istituti di credito questo lo sanno bene, ed offrono diverse scelte apposite per giovani tra i 18 ed i 27/30 anni. Nel caso di uno studente fuori sede la scelta alternativa a quelle proposte dalla banca può essere quella di un conto corrente cointestato con uno dei genitori: il giovane potrà usufruire di tutti i servizi, compresa la domiciliazione di bollette e tasse universitarie, ed il genitore potrà tenere sott’occhio le spese personalmente.

Le scelte per coloro che vogliono invece aprire un conto corrente personale, invece, sono diverse: per la maggior parte si tratta di conti il cui costo è pari a zero se l’intestatario ha meno di 26/27 anni, come i conti Superflash di Intesa San Paolo o il Genius Online del gruppo Unicredit. Altri, invece, puntano sulla fruibilità gratuita dei servizi online. In tutti questi conti le operazioni titoli o gli investimenti non sono, ovviamente, particolarmente considerati, ma si punta piuttosto all’e-banking, alla domiciliazione delle bollette, alla convenienza dei prelievi via bancomat.

Sposta il conto in UniCredit: è gratis e con il nostro Mobile Banking avrai la banca a portata di mano

Ad esempio, il conto corrente BNL Revolution è gratuito per i giovani sotto i 27 anni nei mesi in cui non si effettuano operazioni allo sportello, in caso contrario c’è un costo di 6,90 EUR. Il conto corrente del Gruppo Carige offre due opzioni: un massimo di venti operazioni per un euro al mese, oppure operazioni illimitate al costo di tre euro.

No Commenti

Conto corrente Facile Banca dell’Adriatico

Pubblicato da in Conto Corrente Online

Il conto corrente Facile, della Banca dell’Adriatico, è un conto corrente a canone contenuto, disponibile in qualsiasi filiale dell’istituto di credito appartenente al gruppo Intesa Sanpaolo, e ricco di utili servizi in favore di quella clientela che desideri poter disporre di una completa e autonoma gestione delle giacenze. In più, per tutti coloro che apriranno il conto entro il 30 giugno 2012, Banca dell’Adriatico offre una speciale promozione, riducendo del 50% il canone mensile base del conto corrente (2 euro anziché 4 euro ordinari).

Per poter beneficiare della promozione è necessario collegare e mantenere attivi almeno 4 tra le seguenti categorie di prodotti servizi:

  • accredito dello stipendio o della pensione,
  • uso della carta bancomat,
  • servizi via internet,
  • cellulare e telefono,
  • carta di credito,
  • piano di accumulo del capitale,
  • domiciliazione delle principali utenze domestiche.

Servizi molto utili, spesso gratuiti, che riteniamo che il cliente non abbia grande difficoltà ad applicare, godendo in tal modo dell’utile sconto di cui si è appena fatto riferimento.

Per tutti coloro che non hanno ancora superato i 26 anni di età, il conto corrente Facile sarà completamente gratuito, al di là dei servizi che il cliente sceglierà o meno di attivare. Per tale motivo, Banca dell’Adriatico (Intesa Sanpaolo) ha approntato un utile sito internet che racchiude tutti i principali vantaggi e le iniziative che la banca riserva in favore di questo importante target di clientela, rappresentato dai giovani studenti o dai giovani lavoratori di età under 26.

Ai servizi sopra riepilogati, il cliente di Banca dell’Adriatico potrà scegliere di integrare

  • carte di credito (a scelta tra Carta Blu, Carta Intesa Sanpaolo Alitalia, Carta Oro, Carta Platino),
  • il deposito titoli (con spese di gestione e amministrazione mensili che saranno regolate a condizioni agevolate rispetto allo standard),
  • il Fido Più Light (un’apertura di credito in conto corrente che la banca potrà concedere entro pochi giorni dalla richiesta, senza necessità di alcun giustificativo di spesa e senza oneri di istruttoria).

No Commenti

Conto corrente Classic, della Banca Popolare

Pubblicato da in Conto Corrente Online

Conto corrente Classic, della Banca Popolare, è un rapporto bancario che l’istituto di credito dell’Alto Adige dedica ai clienti che vogliono un conto corrente completo, integrabile con tutti i principali servizi accessori, e in grado di poter consentire ai correntisti di poter compiere un illimitato numero di operazioni attraverso i canali diretti.

Il conto corrente, nel suo canone trimestrale, prevede infatti una limitazione per quanto concerne i soli movimenti effettuati agli sportelli: il correntista non potrà effettuare più di 12 operazioni gratuite nell’arco di tale periodo di tempo, oltre le quali le spese verranno calcolate in base al numero dei movimenti.

Le operazioni di prelevamento di denaro contante allo sportello sono sempre soggetti a spese.

È illimitato il numero di operazioni gratuite effettuabili tramite direct banking, terminali POS e nelle aree self service delle filiali della Banca Popolare.

Il conto corrente si adatta bene alle persone che utilizzano in maniera molto scarsa il conto corrente allo sportello, e che riescono a gestire l’intera operatività attraverso i canali diretti.

Sembra poco adatto per coloro che hanno la necessità di fruire in maniera costante degli sportelli delle agenzie

Al conto classico potranno essere abbinati tutti i principali servizi accessori, come ad esempio i carnet degli assegni, le carte bancomat, le carte di credito, le carte prepagate, o ancora la domiciliazione delle principali utenze domestiche e i già ricordati servizi di internet banking.

Il cliente potrà divenire titolare di prestiti personali e di mutui per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione della prima o della seconda casa

No Commenti

Conto corrente Banca del Monte di Lucca

Pubblicato da in Conto Corrente Online

Il conto corrente della Banca del Monte di Lucca, gruppo Carige, è un rapporto di conto corrente che permetterà al cliente di poter avere un insieme di servizi ampi, flessibili e personalizzabili, che consentono al correntista di poter ottenere un’adeguata soddisfazione alle proprie specifiche esigenze, da modellare sulla base degli accordi stipulati con i consulenti della banca.

Il conto corrente potrà essere abbinato con una serie di servizi e prodotti di grande utilità, come

  • internet banking (che permettono al cliente di effettuare operazioni informative e dispositive direttamente da casa, mediante il pc, in qualsiasi ora del giorno e in qualsiasi giorno dell’anno),
  • carte di pagamento (dalle bancomat alle carte di credito, passando per quelle revolving, per una migliore gestione dei propri risparmi in Italia e all’estero, e anche online).

Saranno a disposizione nelle filiali della Banca del Monte di Lucca i servizi di deposito titoli (per una migliore gestione degli investimenti in azioni, obbligazioni, quote di fondi comuni di investimento, ecc.), i prodotti assicurativi per la propria casa e la propria famiglia, le cassette di sicurezza e i Telepass.

La titolarità del conto corrente garantirà al cliente dell’istituto del gruppo Carige di poter avere accesso a una serie di prodotti creditizi quali prestiti personali, fidi e mutui per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione della prima o della seconda casa di proprietà, o ancora di surroga attiva di eventuali altri finanziamenti in corso di regolare ammortamento.

Tra i servizi accessori, i prodotti relativi alla gestione della propria posizione previdenziale, con pacchetti integrativi rispetto a quanto previsto dalla contribuzione obbligatoria per la costruzione della propria pensione

2 Commenti

Succ. »