Modifica Contratto

Pubblicato da

Se previsto dal contratto stipulato tra l’istituto e il correntista, c’è la possibilità per la banca di modificare le condizioni contrattuali stesse in senso sfavorevole al titolare del Conto Corrente.

Per fare questo però, l’istituto deve seguire una serie di procedure ed un iter ben preciso, che necessita comunque dell’approvazione finale del cliente.

La banca deve far pervenire al cliente la comunicazione scritta delle modifiche che intende apportare al contratto con un anticipo di almeno 30 giorni rispetto alla data in cui dovrebbero entrare in vigore le suddette variazioni.

Il cliente può evitare l’applicazione delle modifiche rescindendo dal contratto entro 60 giorni dalla ricezione della comunicazione scritta da parte della banca.

Sulla Gazzetta Ufficiale e presso gli istituti bancari sono presenti le comunicazioni di modifiche generali dei conti correnti che interessano tutti i correntisti dell’istituto stesso.