Costi Conto Corrente

Pubblicato da

Un Conto Corrente può avere vari costi associati ai diversi servizi offerti all’utente.

L’ammontare della delle spese a carico del correntista, può naturalmente essere soggetta a variazioni anche significative in base al tipo di Conto Corrente scelto. Infatti, all’esistenza di diverse tipologie di Conto Corrente, conti correnti con canone mensile o annuo, conti correnti zero spese, conti correnti online, conti correnti familiari, ecc., gli corrispondono caratteristiche tipiche e peculiari con spese differenti che variano da 30 € a 200 € all’anno.

Una prima distinzione possibile è tra:

  • costi fissi: ad esempio l’eventuale canone per la vita del Conto Corrente;
  • costi variabili: ad esempio quelli relativi l’esecuzione delle operazioni previste dal contratto, per le spese per la registrazione delle operazioni, ecc.

Nel Conto Corrente possono essere eventualmente previste alcune principali spese e commissioni, tra cui:

  • le spese di esecuzione delle operazioni bancarie relative all’utilizzo dei servizi che la banca mette a disposizione del correntista e all’esecuzione delle varie tipologie di operazioni (ad esempio, per prelievo con  Bancomat, uso di assegni, bonifici bancari, ecc);
  • le spese di registrazione delle operazioni;
  • le spese annuali della carta Bancomat;
  • le spese relative all’invio dell’estratto conto o altre comunicazioni;
  • le spese di custodia titoli (se presente un conto titoli);
  • le spese di chiusura periodica;
  • il bollo sull’estratto conto;
  • la commissione di massimo scoperto (in caso di scoperto sul conto).

Generalmente, il Conto Corrente Online ha costi più bassi rispetto a quelli tradizionali.

Trasferire il Conto Corrente da una banca ad un’altra non comporta costi aggiuntivi.